Archivi tag: amore e meditazione

MEDITAZIONE SAMASATI: RICORDATI CHE SEI “UN BUDDHA”


samasati meditation

La Meditazione Samasati è l’ultima delle meditazioni sociali che ha terminato Veeresh, prima di lasciare il corpo.

Veeresh decise di creare la Samasati per onorare la morte di sua madre Emma.

Durante questo processo di creazione ed esecuzione della meditazione, si rese conto che in realtà stava creando questa meditazione anche per preparare se stesso alla sua morte.

Questa bellissima e profonda meditazione ci aiuta a diventare più consapevoli che la morte è un evento naturale che arriva per tutti, anzi, è addirittura l’unica vera certezza che abbiamo durante la nostra vita.

La maggior parte degli esseri umani ha paura di morire, molte immagini connesse alla morte sono brutte, paurose, tetre, perchè la morte viene vissuta con paura, rabbia e dolore invece che con accettazione.

Oltre alle morti violente dovute alle varie circostanze della vita create dagli esseri umani e che lasciano energie cariche di rabbia, dolore e disperazione, ci sono molte persone che non riescono ad accettare di morire perchè non riescono ad andare oltre la paura inculcata dai condizionamenti familiari, sociali e religiosi, o per via dei rimpianti e dei sensi di colpa per tutto ciò che avrebbero voluto essere e non sono stati.

Il messaggio di Veeresh è quello di vivere una vita degna di amore, di non dare mai la propria vita per scontata, di essere grati per essere vivi, di vivere la vita con totalità. Se facciamo questo , la nostra morte arriverà come un momento sacro di passaggio in un’altra dimensione, nella quale il nostro corpo non è più, ma il nostro spirito ci sarà sempre perchè è eterno.

Il messaggio di Osho, di cui Veeresh era una dei suoi più fedeli discepoli, è quello che solamente una vita consapevole è ricompensata da una morte consapevole.

Questa profonda accettazione della morte aiuta a superare il dolore della perdita e la paura di non essere più nel corpo, a prescindere da quando e come avverrà, e stimola la riflessione sul vivere la vita in modo consapevole.

La Meditazione Samasati può anche essere intesa come metafora, infatti ogni volta che siamo nel cambiamento, ogni volta che una situazione non è più, è come una piccola morte, dunque la morte può anche essere intesa come “trasformazione”, proprio come nella carta dei tarocchi zen di Osho, dove la morte dei tarocchi classici è stata sostituita dalla carta della trasformazione.

Per molte persone è difficile accettare il cambiamento, perchè affiorano paure inconsce a volte anche molto profonde, come la paura della solitudine, la paura di non farcela, la paura della disapprovazione e anche altre … spesso associata alla paura c’è il dolore per la perdita di qualcuno o qualcosa.. La meditazione Samasati ti aiuta a sviluppare il sentimento della gratitudine per ciò che sei, per ciò che hai avuto nella vita, per le persone che hai incontrato nella tua vita, per tutti coloro che hai amato, perchè ogni persona e situazione è esattamente ciò di cui hai bisogno per evolverti, e ti hanno portato ad essere ciò che sei oggi. Dunque dalla gratitudine profonda al dire “addio” a tutti e a tutto, alla persona che se ne è andata dalla tua vita, alla situazione che si sta trasformando , perchè sai che non sarai più, stai per lasciare il corpo … metaforicamente non sarai più la stessa persona, non sarai ciò che tu intendi cambiare. Nel momento in cui accetti la paura del cambiamento sei pronto per lasciare andare ciò che non ti è più di supporto per la tua evoluzione.. allora accade in te una profonda trasformazione interiore.

Zen014TransformationDal ringraziare al dire addio al celebrare  la libertà della tua anima, la meditazione Samasati ti ricorda che sei vivo e che la tua vita qui e ora è la cosa più preziosa che hai, vale la pena di essere vissuta in modo degno , nell’amore e nella luce.

Come tutte le meditazioni sociali di Veeresh, la Samasati contiene musica speciale sulle frequenze dell’amore, che in alcuni momenti si esprime come sentimento profondo, in altri momenti si esprime sotto forma di gioia o di consapevolezza.  Gli abbracci con frasi speciali  sono promemoria per ricordarti che sei “un buddha”, ovvero Dio è in te, e un momento di connessione amorevole con gli altri.

La meditazione è toccante, profonda, celebrativa, amorevole e aiuta ad acquisire una maggiore auto-consapevolezza sulla tematica della morte, sia fisica , per esempio quando una persona cara ci ha lasciati o sta per lasciarci, sia psicologica, intesa come detto sopra, come una trasformazione interiore.

Grazie di cuore a Veeresh che ha creato questa meditazione sociale basata sui valori di amore, consapevolezza e responsabilità, per aiutare chi la pratica a prepararsi a questo importante rito di passaggio ad un’altra dimensione, quando esso avverrà, e a superare i disagi che si vivono e che sono emozionalmente assimilabili alla paura di morire, quando si affrontano situazioni in cui è arrivato il momento di “lasciare andare” e “dire addio” a qualcuno o a qualcosa che non farà più parte della nostra vita.

Meditazione Samasati a Milano 11 giugno 2015

Per informazioni sul calendario delle Meditazioni Sociali di Veeresh visita http://www.leela.it

1 Commento

Archiviato in AUM E MEDITAZIONI SOCIALI, EMOZIONI, HOME, INCONTRI E AMICIZIA, MEDITAZIONE, MEDITAZIONI SOCIALI, OSHO, RELAZIONI, TANTRA, VEERESH E HUMANIVERISTY

POTERE CREATIVO: REALIZZARE SOGNI


Meditazione e Auto-Motivazione

sogni-e-successo

(articolo pubblicato su Osho Times dic-gen 2013)

Il Potere Creativo è la nostra capacità di creare, è dentro ciascuno di noi, dobbiamo solamente riconoscerlo. La creatività non ha a che fare con una specifica azione, con uno specifico oggetto o con l’ ambiente circostante, certamente i fattori esterni possono influenzarla, ma il nostro Potere Creativo ci appartiene perché ha a che fare  con le nostre qualità interiori, con i nostri talenti e più in profondità, con l’amore quale sentimento intimo ed universale, che non dipende dal mondo esterno.

Quando è forte la fiducia nella nostra capacità di creare, poniamo le condizioni per ricevere ed ottenere dall’”universo” ciò che chiediamo e di cui abbiamo bisogno. L’”universo” non è un concetto astratto: è tutto quanto nel concreto ci circonda ed al quale ci rivolgiamo per ottenere mezzi e strumenti utili per realizzare ciò che vogliamo.

Quando siamo aperti a ricevere, curiosi di quello che può accadere domani, grati di ciò che abbiamo in ogni ambito della nostra vita, siamo  sulla buona strada per manifestare la nostra incredibile capacità di creare.

Viceversa,  quando pensiamo che non possiamo farcela o che gli altri ce l’hanno con noi o che la vita è ingiusta o che non siamo capaci o che siamo sfortunati, creiamo i presupposti per negarci  la possibilità di essere creativi e  di realizzare i nostri sogni . In questo modo il nostro potere creativo viene meno poiché inquinato dalla negatività: pensieri negativi generano azioni negative che producono risultati negativi.

Dare luce a visioni basate sul Potere Creativo significa realizzare attraverso il nostro amore, nuovi progetti che uscendo dal microcosmo contribuiscono a creare un mondo migliore che ha l’abbondanza come volano di rinascita dell’intera umanità. Questo è un concetto allargato che parte dalla capacità progettuale di ognuno di noi.

Da quanto detto finora emerge che è fondamentale che ci prendiamo la responsabilità per ciò che creiamo, poiché questo ci permette di cambiare quello che non ci piace e che non vogliamo più. Ogni volta che diamo a qualcun altro od alle circostanze la colpa di ciò che è accaduto, neghiamo a noi stessi la possibilità di essere artefici della nostra vita, poiché non riconosciamo che così come non abbiamo avuto la volontà di creare, abbiamo anche il potere di agire  positivamente.

Conseguentemente episodi fallimentari vanno visti come opportunità per imparare a non ripetere gli stessi errori, sono quindi momenti preziosi di crescita interiore, sempre che si  sia in grado di coglierne gli aspetti positivi.

Padroneggiare il proprio Potere Creativo è  viaggiare attraverso la Meditazione e l’Auto-Motivazione, con lo scopo di creare la propria visione e di concretizzarla nella realtà.

La meditazione  aiuta a rilassarsi nel presente, a superare stati di difficoltà emozionale, l’ansia di dover raggiungere qualcosa, e permette di capire meglio se stessi: cosa pensa la mente, cosa sente il corpo, chi sta agendo e come. L’affermazione del nostro Potere Creativo passa attraverso il riconoscimento dei pensieri e delle credenze invalidanti che abbiamo nei confronti di noi stessi e dell’ambiente che ci circonda, alla base di attitudini negative  per la nostra creatività. La meditazione aiuta anche a entrare in contatto con parti di noi più profonde e a far emergere quelle che sono le nostre qualità interiori più autentiche e la nostra capacità di creare in modo naturale e con passione, seguendo il sentire del cuore senza perdere di vista il radicamento alla madre terra.

L’auto-motivazione ci permette, cambiando i vecchi schemi comportamentali, di trovare in noi stessi tutte le risorse di cui abbiamo bisogno per raggiungere i nostri obiettivi o in altre parole, per realizzare i nostri sogni, se consideriamo un obiettivo come un “sogno” con una scadenza.

L’auto-motivazione riguarda dunque la sfera dell’agire, all’interno della quale ritroviamo l’intento di muoversi verso il piacere piuttosto che verso il dolore delle esperienze passate: il corpo registra nuove sensazioni positive, che unite a nuovi schemi di pensiero e credenze potenzianti, rafforzano l’autostima e la sensazione di essere amabili.

Imparare ad auto-motivarsi è quindi fondamentale per cambiare tutti quei pensieri del passato che possono riprodursi nella nostra mente e che invalidano le nostre azioni, con nuovi schemi di pensiero che rafforzano la nostra creatività; i pensieri positivi portano a fare azioni positive che hanno conseguenze positive.

Il Potere Creativo quindi nasce dall’unione di Meditazione e Automotivazione, una tecnica femminile ed accogliente, ed una tecnica maschile ed assertiva, due aspetti, il femminile e il maschile, che ci appartengono e che uniti e bilanciati ci completano, dando vita alla creatività come espressione di amore.

Il Potere Creativo è manifestabile in ogni ambito della nostra vita, proprio perché è la nostra capacità intrinseca di creare, e più profondamente, di amare. Possiamo dunque esprimerlo nell’ambito professionale,    o per migliorare le nostre relazioni o anche per avere un maggiore benessere fisico.

Una persona che utilizza al meglio il proprio Potere Creativo, attraverso la meditazione e l’automotivazione,  è in grado di raggiungere i propri obiettivi con maggiore facilità e naturalezza e questo è un aspetto importante da considerare perché è fondamentale, nella realizzazione dei propri sogni, considerare non solo l’obiettivo da raggiungere ma anche il percorso: il viaggio è un pezzo della nostra vita, è importante che esso sia piacevole tanto quanto la mèta da raggiungere.

Lascia un commento

Archiviato in EMOZIONI, HOME, MEDITAZIONE, POTERE CREATIVO

OSHO: AMORE E MEDITAZIONE


32025_405411475888_267277285888_4179078_5498911_s[1]“Ιl mio sforzo, malgrado il mondo mi biasimi e mi condanni, è di condurre l’uomo e la donna a una dimensione in cui si possano accettare a vicenda, in quanto polarità complementari e opposte. Se anche una sola frazione, pur minuscola, della società inizia a rispettarsi vicendevolmente, avverrà un’incredibile rivoluzione. Ancora non è nato un essere umano integro. Sono esistiti gli uomini e sono esistite le donne, ma ancora non sono esistiti gli esseri umani. Io intendo dar vita a un essere umano globale, che abbia tutte le splendide qualità della donna, unite alle qualità dell’uomo. L’amore da solo è cieco; la meditazione gli fornisce gli occhi. La meditazione gli dà comprensione. Ε quando l’amore è unito alla meditazione, l’uomo e la donna diventano compagni di viaggio lungo il sentiero della scoperta dei misteri della vita. olo nell’incontro di meditazione e amore avviene l’incontro dell’uomo e della donna…”. Osho

 

Quando l’uomo riconosce le sue qualità interiori femminili (accoglienza, ascolto, unione…), e la donna riconosce le sue qualità interiori maschili (selezione, determinazione, forza…) e tutte queste qualità vengono espresse nel vivere e convivono insieme, allora si raggiunge l’integrità, oltre la paura, oltre la rabbia, oltre il dolore, nel cuore.

 

 Tao2

Lascia un commento

Archiviato in HOME, OSHO, RELAZIONI, TANTRA