EGOCENTRISMO, NARCISISMO E MEGALOMANIA


EGOCENTRISMO

egocentrico3

 

L’egocentrismo è la caratteristica delle persone che ritengono le proprie opinioni o i propri interessi più importanti di quelli altrui. La parola deriva dal termine greco έγω che significa “Io”. La tendenza dell’egocentrico è di non mettersi mai nei panni dell’altro. Il soggetto egocentrico si comporta come se fosse al centro dell’universo. È attento ai propri bisogni e sembra ignorare il pensiero altrui, non riesce a cogliere o considerare il punto di vista del resto del mondo.

Secondo lo psicologo svizzero Jean Piaget esiste un periodo nella vita dove tutti siamo egocentrici  che è quella da 0 a 3 anni. L’egocentrismo è una caratteristica tipica del comportamento infantile, che consente di vedere il mondo con se stessi al centro e tutto il resto a cerchi concentrici. In questa situazione il bambino ritiene che tutto sia dovuto e che esista solo la soddisfazione dei propri bisogni. Poi con l’ adolescenza, verso gli 11 anni, ci si apre di più alla considerazione dell’esterno e si comincia a provare empatia verso gli altri.

 

NARCISISMO

narcisista2

Può definirsi come un disturbo della personalità caratterizzato dall’amore che un soggetto prova per la propria immagine e per se stesso. La parola deriva da Narciso, personaggio della mitologia greca così attratto dalla propria bellezza da rispecchiarsi nell’acqua fino a cadervi eannegare. Le caratteristiche principali del narcisismo sono:

1) reazione alle critiche con rabbia, vergogna o umiliazione;

2) tendenza a sfruttare gli altri per i propri interessi;

3) grandiosità, cioè sensazione di essere importanti, anche in modo immeritato;

4) il sentirsi unici o speciali, e compresi solo da certe persone;

5) fantasie di illimitato successo, potere, amore, bellezza, ecc.;

6) persistente invidia.

 

MEGALOMANIA

megalomane3

La definizione più semplice di megalomania è la concezione di ritenersi a tutti i costi superiore a qualsiasi altro essere umano e da qui la volontà di non accettare e dunque sopprimere o schiacciare chiunque talentato ed intelligente possa essere vicino a questa immagine. Se come abbiamo descritto sopra il narcisista è colui che nell’interazione sociale vuole imporre la sua immagine come “unica” e positiva il megalomane è colui che vive in uno stato di eccesso maniacale permanente, si esprime con un esasperato entusiasmo e con un esagerata considerazione ed apprezzamento di sé.

Contrariamente da quello che appare il megalomane ha una stima di sé bassissima, collegata ad antiche percezioni primarie che possono essere giudizi negativi da parte dell’ambiente, aspettative troppo elevate dai modelli di riferimento,una concezione di deficit e handicap, accompagnati dalla derisione, dal disprezzo o dal compatimento altrui.

Il decorso di questa patologia è un progressivo aumento del livello di stress che può portare a bulimia, inerzia o depressione o al contrario alla tendenza di sfidare il mondo creandosi dei nemici , si crea quasi un allontanamento tra il soggetto e la realtà del mondo circostante perdendo la giusta misura dei valori delle persone e delle cose.

Il carattere del megalomane può avere come caratteristiche la tendenza a primeggiare, esibirsi, attaccare con superbia.

Per superare questo disagio, il megalomane in primo luogo, dovrà scoprire l’origine dell’immagine di sé negativa, valutare se è sorta durante l’infanzia o se è legata ad una concezione di grandezza individuale che tormenta il soggetto. In secondo luogo, dovrà affrontare lo stato di inerzia che può nascere o l’iperattività maniacale come strumento di difesa opposto. Infine dovrà risolvere la radicata dipendenza del soggetto dall’opinione degli altri che vive dentro di sé, aiutandolo a superare il conflitto fra l’immagine sociale visibile agli altri e quella interiorizzata nella sua identità più profonda.

Comunemente possiamo osservare comportamenti egocentrici, narcisisti o megalomani anche nelle persone che incontriamo tutti i giorni. In questo caso non ci sono vere patologie ma tendenze caratteriali alla prepotenza, alla volontà di imporre in modo autoritario la propria immagine od opinione, a considerare sempre se stessi al centro del mondo, senza mai mettersi nei panni degli altri.

Fonte:  www.salutare.info , d.ssa Emanuela Boldrin

****************

L’AIUTO

Il compito del counselor è quello di rendere consapevole il soggetto dei suoi atteggiamenti e comportamenti. E’ importante che il soggetto li riconosca e soprattutto che riconosca quanto questi influiscano negativamente nella sua vita (emozioni negative, pensieri negativi, azioni negative) e nel relazionarsi agli altri, creando situazioni conflittuali che possono portare a distruggere le sue relazioni e ad una profonda solitudine. Infine è importante che il soggetto riconosca i suoi bisogni profondi e insoddisfatti, (come per esempio il bisogno di attenzione e di essere riconosciuto) che possono tutti essere raggruppati in un unico grande bisogno: il bisogno di sentirsi amato. Il bisogno insoddisfatto del bambino che continua a vivere e ad agire nell’adulto (il bambino interiore) , quando non è consapevolizzato, crea frustrazione e soprattutto reazioni negative. Attraverso il percorso di counseling  il soggetto impara ad ascoltare, a sentire e ad accettare la frustrazione (rabbia, dolore), a riconoscere la mancanza di amore del suo bambino interiore e ad abbracciare questo bambino, che come un tempo, anche se oggi è nei panni di un adulto, ha ancora bisogno di sentirti amato; così nel processo di crescita interiore il soggetto diventa “padre” o “madre” di se stesso, ovvero di quella parte che è il suo “bambino interiore”. Questo è il punto di partenza che crea cambiamento e che accade nel momento in cui il bambino interiore lascia il posto all’azione dell’adulto consapevole.

bambino-interioretenero-abbraccio

Il Counselor tratta le persone che hanno comportamenti egocentrici, narcisisti o megalomani e si affidano per risolvere i disagi che creano problemi nelle loro relazioni e nella vita di tutti i giorni. Nel momento in cui il counselor non è in grado di trattare il soggetto perchè patologico, è importante che lo indirizzi altrove.

Leela Letizia Zacchetti, Counselor Olistico Professionale , http://www.leela.it

E’ vietata la riproduzione parziale e integrale del testo se non viene citata la fonte

copyright Leela 2015 ©

1 Commento

Archiviato in BAMBINO INTERIORE, EMOZIONI, HOME, MEDITAZIONE, RELAZIONI

Una risposta a “EGOCENTRISMO, NARCISISMO E MEGALOMANIA

  1. Deva Jayesh

    La nostra percezione del tempo influenza il modo in cui diamo un significato ad una determinata esperienza. La maggior parte di noi ha vissuto delle esperienze in cui qualche cosa ci sembrava particolarmente importante in quel momento; ma quando noi consideriamo lo stesso avvenimento in uno spettro di tempo più largo, ci chiediamo:”Ma cosa mi ha coinvolto in quella situazione?” Molti sintomi mentali ed emotivi sono il risultato di una regressione nel tempo, in momenti del passato nei confronti dei quali non riusciamo ad assumere una prospettiva da osservatore attraverso il tempo. Il risultato è che una persona può reagire inconsciamente nel presente nello stesso modo in cui reagì in un periodo precedente della sua vita. Un individuo che per esempio che ha paura di parlare in pubblico, in certe circostanze può ricordarsi di essere stato umiliato da bambino di fronte ad un gruppo di persone. Anche da adulto le stesse circostanze lo riporteranno alle stesse situazioni che egli continua emotivamente ad avvertire ma egli non ne è conscio mentalmente.
    Diceva Milton Erikson che: noi selezioniamo i nostri ricordi e lo facciamo semplicemente perchè molti di essi sono troppo dolorosi per essere inglobati nella nostra mente conscia e la mente inconscia funziona come una protezione. Questo è un modo per rendere la nostra vita emotiva sopportabile. Ecco che subentra poi il lavoro sul bambino interiore: che ci deve portare ad eliminare le radici e se noi non lo facciamo saremo avvolti dalle erbacce che ne nascono. Se noi neghiamo ai nostri ricordi seppur fastidiosi e dolorosi il posto che gli spetta nel nostro mondo cosciente essi cresceranno ancora di più in maniera subdola. Freud diceva che i contenuti rimossi si faranno sentire sempre attraverso inaspettati sintomi fisici. La PNL ha dimostrato che essi tenderanno a diventare la base inconscia delle nostre credenze e valori che determinano poi i nostri atteggiamenti e le nostre emozioni.
    Per cui il modo migliore a mio avviso di curare certi problemi del nostro vivere è ricercare il nostro bambino interiore, riviverne le esperienze, prendersi cura di lui ed assumerci la responsabilità della sua protezione affinchè si possa consapevolizzare il passato per non ripeterlo nel presente.
    La guarigione sta nel riappropriarci del nostro passato.
    Grazie.
    Deva Jayesh

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...